Torna al sito

Clicca qui per tornare al portale itisavogadro.it

sabato 28 febbraio 2015

PROGETTO PEGASO: PREVENZIONE delle DIPENDENZE

Agli Studenti, ai Docenti, alle Famiglie,


PROGETTO PEGASO: PREVENZIONE delle DIPENDENZE

Nell'ambito delle attività volte alla salvaguardia della salute, in particolare alla prevenzione delle dipendenze da alcol e da sostanze psicoattive in adolescenza, l'Avogadro aderisce all'attività di Peer Education promossa dal progetto Pegaso, nato dal progetto di Prevenzione Nazionale e autorizzato dal MIUR dal 2002. Dal 2009 fa parte del Piano Locale del Dipartimento Patologie delle Dipendenze dell'ASL TO 1 Est in collaborazione  con le cooperative sociali Aliseo e Terra Mia, l’IPAB Educatorio della Provvidenza e la società di formazione e comunicazione Eclectica.

Il progetto è rivolto agli allievi del biennio dell'Istituto e sarà diviso in due fasi:
1)      reclutamento, su base volontaria, di allievi delle classi seconde che parteciperanno ad una serie di incontri pomeridiani di formazione con personale competente sulle tematiche della dipendenza da sostanze stupefacenti.
2)      attività a cascata di Peer Education su tutte le classi prime da parte degli allievi che hanno partecipato agli incontri di formazione.

Le referenti del progetto, insieme agli allievi Peer Educator Senior, passeranno nelle classi seconde il 27/02/2015 tra le 9:00 e le 13:00 per una presentazione di circa 10 minuti, in occasione della quale gli allievi interessati a partecipare all’incontro informativo del 5/03/2015 dalle ore 12.00 alle ore 13.00,  potranno dare la propria adesione.
Gli allievi che decideranno successivamente potranno comunicarlo al prof. R. Iacono all’indirizzo mail riacono@itisaviogadro.it. Coloro i quali volessero avere ulteriori informazioni possono incontrare il prof. R. Iacono tutti i giorni in biblioteca dalle 9:00 alle 13.00.

L'Avogadro ringrazia docenti e allievi per la collaborazione e confida nella partecipazione di una rappresentanza del maggior numero possibile di classi seconde, in modo da avere una ricaduta positiva anche tra i propri compagni, oltre che sugli studenti delle classi prime.


Torino, 26/02/2015
Il Dirigente scolastico

Prof. Tommaso De Luca